La tecnologia ci permette di innovare e recuperare materiali usati del passato riproponendoli sotto una luce diversa, più attuale, ma sempre di grande impatto estetico.
Oggi vogliamo segnalarvi la Terra Cruda. Rivisitazione dell’ architetto Matteo Brioni, è il materiale edilizio più antico. Ripercorrere la sua avventura nell’architettura significa ripercorrere la storia dell’umanità.
Si tratta di terra, ovvero di un composto di argilla e inerti naturali, lasciata semplicemente essiccare all’aria, senza bisogno di cottura.
La terra del luogo, impastata con acqua, ha dato forma a interi insediamenti – costruiti in pisé, in adobe, con strutture in terra e legno, in blocchi di terra compressi – naturalmente sani e integrati con il contesto circostante.

GLI IMPASTI
Come una volta, basta aggiungere acqua per realizzare mattoni, massetti e riempimenti, intonaci e finiture, dando forma a spazi e superfici dalla matericità e bellezza senza tempo.
Gli impasti in Terra Cruda possono inoltre essere additivati con leganti minerali o sintetici al fine di ottenere rivestimenti continui orizzontali e verticali dal diverso grado di resistenza meccanica, all’abrasione e all’acqua.

impastiLA MATERIA
La terra cruda di Matteo Brioni è selezionata e mescolata grazie a un processo che richiede esperienza in ambito edilizio e un occhio attento all’unicità di ciascun territorio. Il risultato sono prodotti sani, puri e naturali, piacevoli al tatto, in grado di adattarsi sinuosamente a qualsiasi forma: superfici contemporanee realizzate con tecniche tradizionali.

I COLORI
I colori di Matteo Brioni sono il risultato della miscelazione di differenti argille, provenienti da diversi territori.
Privi di ogni tipo di pigmento, naturale o sintetico, essi esprimono la qualità del luogo di provenienza e i loro nomi evocano invitanti prodotti della natura.
Racchiusi in una palette di 10 colori, possono essere facilmente coordinati o usati in monocromatico. Trasformano ogni spazio in un luogo accogliente, dall’eleganza discreta e sempre contemporanea. da coordinare o scegliere come total look. Una tavolozza cromatica molto elegante, contemporanea e discreta.

i coloriLE TEXTURE
Le texture offrono ulteriori dimensioni tattili e percettive alle superfici, attraverso l’aggiunta di elementi che la natura spesso “avvicina” alla terra.
La iuta, il frumento, la canapa, il riso, ne aumentano la matericità.
La mica, l’ematite la madreperla donano alla terra luce e riflessi splendenti.
L’onice, la sodalite e il quarzo conferiscono alla terra un aspetto vissuto, usurato, simulando il passaggio del tempo con il suo carico di esistenza, di memorie, di calore.
Scopri di più su www.matteobrioni.com